martedì 8 dicembre 2009

Dei Pregiudizi - VOLTAIRE e DE LUBAC


Mappa dei pregiudizi

Ciascuno ha il proprio filtro, che porta con sè dappertutto, e attraverso il quale, raccoglie, nella massa indefinita dei fatti, quelli che sono i più idonei a confermare i suoi propri pregiudizi.
H. DE LUBAC

Dei pregiudizi
Il pregiudizio è un'opinione che non si fonda sul giudizio. Così in tutti i paesi del mondo si inoculano ai bambini tutte le opinioni che si vuole, prima che essi possano giudicare di testa loro.Vi sono dei pregiudizi universali, necessari, che sono addirittura il fondamento della virtù. In tutti i paesi si insegna ai bambini a riconoscere un Dio remuneratore e vendicatore, a rispettare e amare il padre e la madre, a considerare il furto come un delitto, la menzogna premeditata come un vizio; e ciò prima che essi possano avere idea di quello che è il vizio o la virtù.Vi sono quindi dei pregiudizi ottimi; e sono quelli che il nostro giudizio ratifica poi, quando ragioniamo.
Un sentimento a dir vero non è un semplice pregiudizio, è una cosa assai più forte. Una madre non ama il proprio figlio perchè le han detto che bisogna fare così: lo ama anche suo malgrado.Così non è per pregiudizio che voi correte in soccorso di un bambino che vi è sconosciuto e rischia di cadere in un precipizio o di essere mangiato da una bestia.
Ma è per pregiudizio che voi rispetterete un uomo rivestito di certi abiti, che cammina e parla con gravità: i vostri genitori vi hanno detto che voi dovevate inchinarvi davanti a quell'uomo, e voi lo rispettate prima ancora di sapere se egli merita il vostro rispetto; poi crescete in età ed esperienza, e vi accorgete che quell'uomo è un ciarlatano impastato di orgoglio, interessato e finto, e allora disprezzerete ciò che prima riverivate.
Il pregiudizio in questo caso cede davanti al giudizio. Voi avete creduto per pregiudizio alle favole che vi hanno raccontato nella vostra infanzia: vi hanno detto che i Titani mossero guerra agli Dei, e che Venere si innamorò di Adone; a dieci anni voi scambiavate quelle favole per verità, a vent'anni le considerate al più come ingegnose allegorie.
VOLTAIRE

Tutti abbiamo uno o più pregiudizi.
In qualche caso la nostra capacità di giudizio vincerà sul pregiudizio, in altri casi, magari, non saremo capaci di superarlo, ci accompagnerà per tutta la vita.
I peggiori intolleranti? A mio avviso, proprio coloro che sono assolutamente certi di non avernenessuno... Certo, che quando hai un pregiudizio vai cercando pareri, persone e situazioni, che confermino l'idea preconcetta, che tu ti eri già preformato nella tua mente. E troverai esattamente le risposte che andavi cercando.
Una cosa sempre triste, la mancanza di obbiettività! :-(
Iris

domenica 23 agosto 2009

Nessun commento: