domenica 5 settembre 2010

Io mormoro un solo nome - Agostino CHALLAMEL




Giulia,

quando il desiderio mi spinge verso di te,
la mia estasi, troppo forte, assomiglia ad un martirio.
Io fremo, perdo la voce, il mio sguardo ti divora...
Quando su me, lasciva, tu ti pieghi per stringermi ridendo,
con le tue bianche mani, carezzandomi in fronte,
il fiume dei tuoi capelli disciolti dall'amore,
chi potrebbe resistere, Giulia,
a questa febbre?
... e mentre il tuo corpo nudo mi fa rabbrividire,
io mormoro un solo nome...
il tuo... il tuo... il tuo...

Agostino CHALLAMEL

Nessun commento: