sabato 13 novembre 2010

Perchè non vuoi ch'io ti dica che t'amo? - Gustave FLAUBERT



No,



non ti rimprovererò i tuoi rimproveri,

la loro ingiustizia ricada su di te!

hai paura ch'io ti mandi parole dure,

ebbene no,

ti mando soltanto baci, carezze;

vorrei poterti fare giungere una melodia languida

per incantarti come si fa con i bambini per addormentarli,

o uno di quei buoni profumi che facendoci morire sembrano darci una vita nuova.

Perchè, povera amica, non vuoi ch'io ti dica che t'amo?

del resto è questa la sorte dei sentimenti veri,

non essere creduti.

Se io avessi posato, mentito, esagerato,

tu forse non avresti in questo momento

tutti i dubbi che ti rodono.



Gustave FLAUBERT

Nessun commento: