lunedì 7 dicembre 2009

Della Bellezza - Baldassare Castiglione

Luisa Giordan, sorella di mio nonno Paul.
Una donna che si è contraddistinta per bellezza, eleganza e modi gentili fino a quando, ultraottantenne, è venuta a mancare.Ero molto molto piccola, quando la fotografia di quando era giovane, dal comò della sua camera da letto mi colpì particolarmente e pensai che questa fosse "la bellezza"! La guardavo servire il the, con gli orecchini di perla, già comunque una donna matura per me che ero piccolissima e pensai che in alcuni casi: "c'è una bellezza che si mantiene tale, inalterata nel tempo, se solo la salute le è compagna".


L'amante adunque, che considera la bellezza solamente nel corpo perde questo bene e questa felicità subito dopo che la donna amata, assentandosi, lascia gli occhi dell'amante e conseguentemente l'anima privata del del suo bene; perchè essendo la bellezza lontana, non riscalda il core come faceva in presenzia, e i canali di comunicazione restano aridi a tal punto che cercano di diffondere per il corpo gli spiriti vitali e non avendo esito pungono l'anima. Per fuggir il tormento dell'assenzia e goder la bellezza senza passione, il cortegiano razionalmente revochi del tutto il desiderio dal corpo allla sola bellezza e quanto più può la contempli in sè stessa semplice e pura, formandola nell'immaginazione astratta da ogni materia; e così la faccia cara all'anima sua e seco l'abbia giorno e notte, in ogni tempo e loco, senza timore di perderla mai, ricordando sempre che 'l corpo è cosa diversissima dalla bellezza: non solo non l'accresce ma ne diminuisce la sua perfezione. in questo modo ei sarà fuori da tutte le amarezze e le passioni dannose che sentono sempre i giovani, come le gelosie, i sospetti, li sdegni e l'ire, le disperazioni e certi furori rabbiosi che non solo portano alcuni a batter le donne che amano ma levano la vita a se stessi.
Il cortegiano aiutato dalla ragione non darà infamia all'amata nè soffrirà delle assenzie. Chè chiuso nel core si porterà sempre il suo prezioso tesoro e in virtù della immaginazione formerà in sè quella bellezza molto più duratura che quella reale.
Baldassarre CASTIGLIONE

venerdì 21 agosto 2009

Nessun commento: