sabato 21 novembre 2009

Del sommo bene - Voltaire

Il monte Everest, parete sud-ovest E' la più alta vetta della Terra ed è situato nella catena dell'Himalaya,
al confine tra la Cina e il Nepal.Immagine da Wikipedia

Del Sommo Bene

Il maggior bene è quella cosa che vi diletta con tanta intensità da mettervi nella incapacità assoluta di provare nessun altro sentimento, come il maggior male è quello che arriva fino a privarvi di ogni sentimento.
Questi sono i due estremi della natura umana, e questi due momenti sono brevissimi. Non c'è nè piacere estremo nè estremo tormento che possano durare tutta la vita: il Sommo Bene e il sommo male sono delle chimere.
Conosciamo la bella favola di Crantore; egli immagina che si presentino alle Olimpiadi la Ricchezza, il Piacere, la Salute, la Virtù, e ciascuna reclami il primo premio.
La ricchezza dice: "Il sommo bene sono io; perchè chi ha me può procurarsi qualunque altro bene".
Il Piacere dice: "Sono io, perchè perchè gli uomini cercano la ricchezza solo per avere me".
La Salute fa presente che senza di lei non vi può essere piacere, ed è inutile la ricchezza.
Finalmente la Virtù osserva che essa è superiore alle altre tre, perchè con l'oro, coi piaceri e con la salute, si può tuttavia ridursi al colmo dell'infelicità, se non si sa vivere.
La Virtù ebbe il premio.
Questa favola è assai ingegnosa, ma non risolve l'assurda questione del Sommo Bene.
La Virtù non è un bene, è un dovere: appartiene a un genere differente, a un ordine superiore, e non ha niente a che vedere con le sensazioni dolorose o piacevoli.
L'uomo virtuoso, con mal della pietra e la gotta, senza sostegno, senza amici, privato del necessario, perseguitato, messo in catene da un tiranno voluttuoso che sta bene in salute, è infelicissimo; mentre il suo vile persecutore che accarezza una nuova amica nel suo letto di porpora, si trova felicissimo.
Dite che il saggio perseguitato è preferibile al suo persecutore, dite che voi amate l'uno e detestate l'altro; ma confessate che il saggio in catene si rode il fegato.
E se il saggio non vuole ammetterlo, vuol dire che v'inganna e che è un ciarlatano.

VOLTAIRE

Parete nord dell'Everest vista dal sentiero che porta al campo base in Tibet
File:Everest North Face toward Base Camp Tibet
Luca Galuzzi 2006.jpgDa Wikipedia, l'enciclopedia libera.


venerdì 3 aprile 2009

Nessun commento: